Ieri sera una mia amica, assistente di sala in un ristorante sul Lago, mi racconta.
Arrivano dei clienti, è già tardi e sono tutti stanchi.
La coppia con bambini si ferma all’ingresso e legge il menù esterno per almeno un quarto d’ora.
Si decidono ad entrare.
“Buona sera, volete accomodarvi?”
“Sì, può apparecchiare vicino al mare, in terrazza?”(siamo al lago)
“Subito! Le porto il menù.”
“Grazie!”
Altro quarto d’ora a scrutare attentamente i fogli scritti.
La mia amica si avvicina e chiede:
“Pronti per ordinare?”
“Siiiii !! Vorremmo spaghetti alle vongole!”
“Non li abbiamo mi dispiace.”
“Bene! Uno scoglio?”
“No signore, abbiamo solo specialità di lago.
Il menù è lo stesso che ha letto anche fuori… abbiamo tutto ciò che c’è scritto lì.”
Ah! Potrebbe dirmi il Germano che pesce è?”
“?????… Signora, il germano è carne!”
“Carne? Di che tipo?”
“Quella signora, vede in acqua quel volatile che galleggia? È quello! Un parente dell’anatra e dell’oca.”
“Ma sa di pesce???”
“No signora! Mangia pesce ma è carne!”
Dopodiché la mia amica assistente di sala, GENTILISSIMA, sviene.