Raccolta di tutte le domande,comportamenti e racconti più strani che accadono tra quattro mura di un negozio ai poveri commessi....PERPLESSI!

Tag commessa

Smart working da tatuatrice.

Smart working da tatuatrice. Mi contatta un tizio per fare un mega progetto di Nightmare before Christmas. Io tutta felice gli faccio la bozza e gliela mando: “Sì va bene ma cambiamo questo…” Va bene, no problem, mi fa fare… Continua a leggere →

Bollettino Corona Virus n. 2734

Bollettino Corona Virus n. 2734 In questi giorni di totale e assoluto rincoglionimento istituzionale, con ordinanze che si contraddicono l’una con l’altra, con gente che non sa se può girare il cucchiaino del caffè in senso antiorario senza rischiare un… Continua a leggere →

caffettiera

Oggi, nel supermercato in cui lavoro, arriva un cliente sulla quarantina, con occhialetto da nerd. Arriva in cassa con un litro di latte e un pacchetto di caffè, mi guarda e chiede: “Ma questo caffè è normale?” Io, non capendo… Continua a leggere →

Particolarmente empatici

Il lunedì mattina già non è una giornata in cui si è particolarmente empatici con la massa di ominidi a cui fa difetto la sinapsi neurale. Se poi, appena sveglio, ti accorgi che tua figlia ha pasticciato col tuo telefono… Continua a leggere →

La D’urso ci spiega come ci si lava le mani

Spa, io sono specializzata in pedicure curativa. Arriva una signora anziana e si inizia a parlare del coronavirus. “No perché l’igiene, l’educazione e le buone abitudini argineranno il problema.” Poco dopo le dico: “Signora, mi scusi, ma sull’alluce ha una… Continua a leggere →

Negozio di abbigliamento.

Quattro o cinque mesi fa entra una cliente con la figlia. Dopo non aver risposto al saluto e alla classica domanda: “Ha bisogno?” aspetta qualche minuto e mi chiede di far provare alla figlia una smodata quantità di giubbotti. Fin… Continua a leggere →

Ne vediamo di ogni tipo

Lavorando in un negozio di abbigliamento, ne vediamo di ogni tipo. Entra una signora, neanche troppo anziana, che senza darmi il buongiorno dice: “Voglio vedere un maglione rosso”. Senza lasciarmi neanche mostrare il primo maglione, subito si gira stizzita dicendo… Continua a leggere →

Lavorare ai tempi del coronavirus. Consuela, supermercato.

Decidi di alzarti dal letto la domenica mattina, dopo aver dormito 4 ore, perché la stanchezza mentale non vuole darti pace. Esci a bere il caffè in terrazza e ascolti quel rumore assordante del silenzio: non c’è nessuno per strada,… Continua a leggere →

Cinema.

“Salve devo ritirare questa prenotazione.” “Sono 22.50€ se aggiunge 3.50€ puó tornare al cinema con sua moglie fino al 27 febbraio usufruendo di 2 ingressi bla bla bla…” (spiegando la convenienza dell’abbonamento). “Solo con mia moglie?” No! Con chi desidera… Continua a leggere →

Lavorare ai tempi del coronavirus. Stefania, commessa in un supermercato.

Lavoro in un supermercato di medie dimensioni. Di solito lavoro in salumeria e il bancone, di questi tempi, mi da una certa sicurezza per via della distanza dai clienti. A volte però mi capita di lavorare anche in cassa. Pochi… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 Commesso Perplesso — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑