Farmacia.
Entra un ragazzo sui 30 anni, fregandosene di tutto e tutti inizia ad urlarci dietro di tutto: insulti, minacce, denunce ecc ecc. In poche parole, sua madre è andata a prenotare la terza dose in farmacia e la farmacia le ha chiesto 2€ per la prenotazione.

“Mi spiace, non deve pagare nulla.”
“Invece ha pagato, vi intascate i soldi, io vi denuncio, chiamo i carabinieri…”
“Mi faccia controllare perché questa cosa non va bene. È sicuro che è venuta da noi?”
“Certo! È venuta in farmacia.”
“Si, ma da noi?”
“Le ho detto che è venuta in farmacia, le avete fatto pure lo scontrino.”
“Mi faccia vedere perché voglio andare a fondo.”
“Ecco, guardi.”
“La farmacia è in provincia di Caserta…”
“Quindi? Le avete fatto pagare 2€ per la prenotazione.”
“È illegale questa cosa, vada a denunciare la cosa.”
“Infatti vi denuncio tutti.”
“Denunci la farmacia dove è andata sua madre, noi non c’entriamo nulla.”
“Sempre farmacia siete.”
“Si, ma noi siamo in provincia di Monza, questa di Caserta.”
“Siete tutti uguali.”
“Il panificio di Milano è lo stesso di Caserta?”
“Ehm no! Io pensavo che essendo farmacie…”
“Ogni farmacia è un negozio singolo. Vada a denunciare questa cosa, è illegale chiedere soldi per la prenotazione.”
“Ma devo denunciare la farmacia di Caserta?”
“Si.”
“Ehm no, per 2 € non mi sembra il caso, la colpa è di mia madre.”
“Ok…”

Contro di noi era pronto a chiamare i carabinieri, l’esercito, il Papa e Putin con i missili, con quella di Caserta no…Ok, fa niente… Nel frattempo abbiamo segnalato noi la cosa.