Lavoro in un negozio di ottica. Entra un cliente conosciuto. Non un fulmine di guerra, ai limiti del ritardo.
“Buonasera, vorrei comprare questo modello di occhiali da sole marca XXX”.
“Certo, guardi, è fortunato, ho l’ultimo marrone”.
“Ma io lo cercavo grigio, ce l’avevo ma l’ho perso”.
“Mi dispiace, ma è fuori produzione non c’è più. O questo marrone, oppure altro”.
Durante la prova: “Sì sì è proprio questo, ma il mio era grigio, non è possibile averlo?”.
“No guardi, come dicevo non lo fanno più, non è possibile averlo”.
“Ma se lo ordinassi?”.
“Guardi, non è più in produzione, mi dispiace…”.
Comincio a spazientirmi…

Questa scenetta va avanti per altre tre o quattro volte fino a che:
“Questo marrone non mi convince… se solo ci fosse grigio! Ma è sicuro che non si trova?”
“Senta, ma della frase semplice: «È fuori produzione, non si trova più» mi può dire cosa non capisce?”.

“Allora compro questo marrone…”.
“Perfetto… Ottimo acquisto”.