Negozio di ceramiche, orari di apertura: 8.30/12.30-15.00/19.00 da Lunedì a Sabato, naturalmente ben esposti su cancello e porta di ingresso.

Ore 18.59, mi accingo ad infilare il giubbotto per spegnere il riscaldamento ed avviare le procedure di chiusura.

Entra lui: mani in tasca, aria annoiata, passo da passeggiata sul Corso del sabato pomeriggio quando ancora si poteva in serenità.
Mascherina rigorosamente abbassata sotto al naso.

“Buonasera! Ehm…posso esserle d’aiuto?”
“Senti, devo fare un lavoro e ho bisogno di una piastrella bianca.”
“Le serve una piastrella da pavimento o da rivestimento?”
“Da pavimento, no!?”
(Eh già, mancanza mia se ancora non so leggere nel pensiero 🤨)
“Mi spiace, ma temo di non poterla aiutare, non ho nulla in produzione di bi…”
“Ma cos’è, stai chiudendo!?!“
“Si, in effetti sono in chiusura…”
“Va beh…se non hai voglia di lavorare!”
Ed esce.

Vi prego, fatemi capire perché IO BOH.