Cliente abituale e un po’ (tanto) svalvolata, tanto che, quando entra, tutti scappano a fare altro e rimango da solo in cassa a fare da vittima.

“Salve, so che il giorno x esce il dvd di Mary Poppins. È vero?”
“Si, è vero. Vuole prenotarlo?”
“Ma quanto costa?”
“Il prezzo finale, con la promozione novità, sarà tot €.”

E qui viene il bello.

“Quindi anziché il prezzo iniziale io lo pagherò tot?”
“Esatto!”
“Ne è sicura? Non è che poi cambia?”
“No, signora. Sicura. Lo vuole prenotare?”
“E se io lo prenoto adesso il prezzo rimane sempre quello? No, perché, sa…(e inizia un pippone di 5 minuti buoni sul fatto che suo marito si lamenta di quanto spende in dvd).
“Allora, lo vuole prenotare?”
“Ma la data di uscita è sicura? Non è che poi ritarda?”
“No signora, la data è quella.”
“No, perché, sa…(altro pippone sui ritardi delle uscite dei dvd).”

Alla fine prenota e, mentre si allontana, continua a chiedere: “Quindi la data è quella, giusto? È il prezzo rimarrà quello, vero?” Una volta uscita (è tornata poi il giorno dopo per chiedere se la sua prenotazione ci fosse ancora ed ennesima conferma di tutto!), il cliente successivo mi guarda e mi porge un bigliettino da visita: “Sono uno psicologo, se avete bisogno chiamatemi pure.”